346.940.6001  06.5899438

info@palestradellattore.it

Biomeccanica e Recitazione

Secondo e Quarto Week End di Aprile

BIOMECCANICA DEL SENTIMENTO 

Diretto da Claudio Spadola

WEEK END 18 MAGGIO 2 POSTI RIMASTI! Sconto 70€  3469406001 

Orari: Sabato 14,30-19,00 Domenica 14,00-17,00.

Si praticheranno gli Esercizi che rappresentano la Sintesi della decennale esperienza di Claudio Spadola con i suoi Maestri Russi e Americani e i rispettivi metodi: contaminazioni di esercizi della Biomeccanica Teatrale di Mejerchol'd, Karpov, Bogdanov, col lavoro con la musica e l'esplorazione sensoriale di Strasberg e De Fazio, con gli esercizi di improvvisazione e trasformazione di M. Cechov, Vachtangov, Stanislavskij, Vasil'ev e di percezione energetica del Qi Gong, Taiji etc. IL LABORATORIO È UN'OCCASIONE PER GLI EX ALLIEVI DI CLAUDIO SPADOLA PER PRATICARE MOLTI ESERCIZI NUOVI E, PER CHI NON HA MAI CONOSCIUTO LA SUA PEDAGOGIA, PER CONOSCERE GLI ULTIMI SVILUPPI DELLA BIOMECCANICA TEATRALE E DEL METODO AMERICANO.

 Biomeccanica del Sentimento

Il Sentimento è qualcosa di percepibile a livello energetico profondo e sostanziale a differenza dell'emozione che è più superficiale e passeggera come lo sono le false identificazioni che riempiono continuamente la nostra mente e animano il nostro corpo defraudato. Attraverso la totalizzante esperienza fisica con l'altro si diventa l'altro e ciò induce il sentimento, anzi ne è già l'espressione oltre che garanzia della verità organica del nostro agire.

Collaudati esercizi delle tradizioni orientali (non solo dell'est europeo ma anche asiatici) e occidentali sono stati rielaborati da Spadola come percorsi guidati per arrivare a questa esperienza fisica totalizzante dove la mente si svuota rimanendo vigile, riceve informazioni dal corpo da lei reso potente e non più schiavo e finalmente può schiudersi il sentimento.

 La Biomeccanica è insegnata nelle principali scuole teatrali pubbliche di tutto il mondo perché fa apprendere all'attore i fondamenti dell'arte dell'attore partendo dal dal movimento scenico e dal training fisico. IL CORPO NON DICE BUGIE. Qualsiasi posizione del corpo, portamento, gesto, movimento del viso, è espressione di uno stato d'animo. Ogni atto, quindi sarà corrispondente ad un utile coinvolgimento emotivo se si è allenati a percepirle queste corrispondenze e quindi si è in grado di ricrearle. Tutto questo comporta la formazione di un corpo allenato psicofisicamente, sola garanzia di un coinvolgimento efficace delle emozioni e garantisce un'espressività e una suscettibilità emotiva che partono proprio dalla meccanica del corpo dell'attore e quindi utilissimi per la recitazione. C'è un'eredità diretta della pratica e dei principi della biomeccanica teatrale che va da Mejerchol’d fino ai maestri contemporanei di cui Spadola è stato allievo e assistente all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica di Mosca (GITIS) così come in Italia.

Il laboratorio permette di conoscere la pratica dei maestri che hanno rivoluzionato la pedagogia contemporanea e il lavoro dell’attore. Di comprendere i principi basilari della recitazione attraverso un sapere fisico e, a chi vuole, di applicarli a scene o monologhi di grandi autori. L’allenamento psico-fisico della Biomeccanica rende capace l’attore di memorizzare nel corpo i suoi stati d’animo. Grazie a questo sarà possibile sfruttare a pieno il metodo di Stanislavskij delle “azioni fisiche” e gli esercizi del Metodo Michail Cechov (fondatore di numerosi Actor's Studio in Europa e negli Stati Uniti dopo esser stato il più grande attore diretto da Stanislavskij). Questi esercizi oltre a coinvolgere la mobilità espressiva del corpo dell’attore fanno perno anche sul grande potere dell’immaginazione per improvvisare qualsivoglia situazione drammatica e per creare i più disparati personaggi.  
 
Per maggiori informazioni vai a “Perché fare BIOMECCANICA”, ai “TESTI di Claudio Spadola” e alle “INTERVISTE a Claudio Spadola” sulla Biomeccanica Teatrale.

PER I SUCCESSIVI Laboratori intensivi vai a TUTTI I LABORATORI NEI WEEK END