Progetto Triennale per Centenario della Biomeccanica Teatrale

In fase di elabrazione

Progetto Triennale (2019) 2020-2023 (2024) Internazionale per il Centenario della Biomeccanica Teatrale 1922-2022 (gli 80 anni nel 2020 dalla morte del suo fondatore Vsevolod E. Mejerchol'd e i 150 anni nel 2024 dalla sua nascita).

Ideazione di Claudio Spadola

Il 12 Giugno del 1922 Vsevolod E. Mejerchol’d tenne una conferenza pubblica dal titolo L’attore del futuro in cui presentò ufficialmente la biomeccanica, materia fondamentale e indispensabile per ogni attore . Il 2 Febbraio 2020 ricorrono 80 anni dalla morte per fucilazione di Mejerchol'd e il 9 Febbraio 2024 150 anni dalla nascita.

Obiettivi:
Il Progetto Internazionale per il Centenario della Biomeccanica Teatrale ha lo scopo di promuovere: 1) un confronto e uno scambio tra le realtà, istituzionali e non, che coltivano questa disciplina dal punto di vista pratico o teorico 2) la produzione di attività e strumenti per il suo sostegno e la sua divulgazione, 3) lo studio, la ricerca, anche comparati con altri saperi e discipline, e il suo sviluppo alla luce delle esigenze e necessità non solo dell’arte e della pedagogia teatrale o dello spettacolo dal vivo contemporanei ma dell’intera società. Oggi più che in passato, infatti, sono sempre più indispensabili percorsi quali quello della Biomeccanica Teatrale che hanno lo scopo primario di equilibrare armonicamente nell’individuo il suo apparato psicofisico mentale e sviluppare le sue potenzialità creative. Queste condizioni necessarie alla vita di ogni essere umano sono “materia fondamentale e indispensabile per ogni attore” o performer affinché possa esprimersi e quindi sono premessa imprescindibile ad ogni altra formazione o specializzazione.

Risultati attesi:
- Realizzazione di corsi triennali di Biomeccanica Teatrale che inizieranno da Ottobre 2020, facendo parte del triennio di studi delle 4 accademie teatrali nazionali partner del progetto, e potranno essere svolti anche nelle strutture degli altri partner nazionali. I corsi comprenderanno la fase di produzione e messa in scena dello spettacolo nel 2022 descritto sotto e proseguiranno anche durante la fase della sua distribuzione nel 2023. Il maestro di Biomeccanica Teatrale, coadiuvato da assistenti, sarà anche il regista dello spettacolo. Per l’Italia questi sarà Claudio Spadola, anche ideatore del Progetto Triennale Internazionale per il Centenario della Biomeccanica Teatrale, docente dell’Accademia Teatrale di Roma Sofia Amendolea e direttore della Palestra dell’Attore Centro di Studi di Biomeccanica Teatrale a Roma, entrambe partner del Progetto.
- Realizzazione di laboratori intensivi di Biomeccanica Teatrale condotti da Claudio Spadola e da chi degli altri registi e maestri di Biomeccanica Teatrale delle 4 accademie teatrali partner darà la sua disponibilità. I laboratori rappresentano uno scambio pedagogico internazionale tra le 4 accademie ma potranno svolgersi anche presso gli altri partner nazionali e presso tutte le realtà che vorranno ospitarli: accademie teatrali, università, teatri, associazioni o altri enti. I laboratori possono svolgersi anche tutti nella stessa nazione e in concomitanza del Festival Internazionale di Teatro descritto sotto che ospiterà gli spettacoli del progetto.
-Produzione da parte di ognuna delle 4 accademie partner, ognuna in coproduzione coi propri partner nazionali, e distribuzione di uno spettacolo che prenda ispirazione dai capolavori di regia del fondatore della Biomeccanica Vsevolod Mejerchol’d, come per esempio Il revisore di Gogol’, le regie dei testi di Majakovskij, di Cechov, Crommelynck, Puškin, Blok, Dumas etc. o comunque dalla sua vasta produzione dal 1904 al 1939 che comprende anche Moliere, Shakespeare, Calderon, Ibsen, Shaw, Tol’stoj. Gli spettacoli dovranno dare grande risalto al movimento scenico e permettere l’espressione delle potenzialità che la Biomeccanica Teatrale sviluppa, quelle cioè di un teatro globale, un teatro fondato sulla capacità sinestetica e sincretica del performer che consenta attraverso parola, movimento, canto e musica anche dal vivo, di esprimere e tradurre qualsiasi cosa in linguaggio puramente teatrale; un linguaggio che rispetto ad altre forme di spettacolo fa dell’elementarità dei suoi mezzi un punto di forza grazie alla maestria tecnica e soprattutto alla forma mentis creativa dell’attore formato attraverso la Biomeccanica Teatrale.
Ognuna delle 4 accademie nazionali insieme ai suoi partner seleziona i partecipanti al progetto e attori del proprio spettacolo la cui regia è affidata al regista pedagogo che in ogni nazione conduce i vari corsi annuali e laboratori intensivi di Biomeccanica coadiuvato dai suoi assistenti. Lo spettacolo debutterà nel 2022 e sarà in tournée fino al 2023 (2024).
- Realizzazione di un Festival Internazionale di Teatro nel 2022 in cui debutteranno gli spettacoli prodotti dal progetto. Il Festival potrà coincidere con la realizzazione di convegni, conferenze, pubblicazione dei materiali audiovisivi e cartacei e laboratori intensivi del progetto e potrà svolgersi presso uno dei partner nazionali del progetto e/o presso tutte le realtà che vorranno ospitarlo.
- Realizzazione di tournée degli spettacoli dal loro debutto nel 2022 fino al 2023 (2024) in tutti i Teatri o le sedi che hanno interesse ad ospitarli.
- Realizzazione di conferenze e convegni internazionali con studiosi e docenti universitari (come Béatrice Picon-Vallin, Eugenio Barba, Franco Ruffini etc.), rappresentanti del mondo dello spettacolo, operatori sociali e culturali, oltre ai docenti, registi e rappresentanti dei vari partner del progetto. Un primo convegno internazionale potrebbe essere realizzato entro il 2020 a celebrazione degli 80 anni dalla morte di Vsevolod E. Mejerchol'd e a presentazione del Progetto Triennale per il Centenario della Biomeccanica Teatrale 2020-2023.
- Produzione e pubblicazione di libri e/o dispense sulla Biomeccanica Teatrale e i suoi possibili sviluppi contemporanei scritti dai maestri registi del progetto che danno la loro disponibilità e stesura degli atti dei percorsi pedagogici e dei convegni da parte degli stessi partecipanti coadiuvati dagli assistenti dei maestri e con la loro supervisione.
- Produzione e edizione di audiovisivi di esercizi di Biomeccanica Teatrale come materiale di supporto ai libri o dispense, pubblicabili anche su siti internet e da lì consultabili, e di audiovisivi di documentazione delle attività del progetto dalla messa in scena dello spettacolo ai convegni e i laboratori intensivi.

Partner
l’Accademia Teatrale di Roma Sofia Amendolea e le altre 3 Accademie Teatrali di Russia, Polonia e Repubblica Ceca, La Palestra dell’Attore Centro di Studi di Biomeccanica Teatrale e Scuola di Recitazione a Roma, il Teatro Pamphili Centro Formazione Arti e l’Università DAMS Roma Tre. Chiunque voglia contribuire al progetto.

Beneficiari
Tutti coloro che vorranno vedere lo spettacolo, gli audiovisivi, i libri o dispense realizzati, partecipare alle conferenze e i convegni internazionali e, risultati idonei, ai corsi annuali e ai laboratori intensivi di Biomeccanica Teatrale del progetto, con particolare attenzione ai giovani, al mondo universitario e dello spettacolo dal vivo, agli operatori sociali, alle categorie (socialmente e culturalmente) svantaggiate della società, ai disabili e a tutti coloro che hanno interesse o vogliono avere esperienza di una disciplina, come la Biomeccanica Teatrale avente, come si è già specificato, lo scopo primario di equilibrare armonicamente nell’individuo il suo apparato psicofisico mentale e sviluppare le sue potenzialità creative.

Luogo
Italia, Russia, Polonia, Repubblica Ceca nelle sedi dei partner del progetto e tutti i teatri o le sedi che hanno interesse ad ospitare le sue attività.

Date
(Giugno 2019) Ottobre 2020-Settembre 2022 (con possibile continuazione o riedizione fino al 28 Febbraio 2024). Tra Giugno 2019 e Settembre 2020 saranno realizzati dai partner del progetto: la Palestra dell’Attore, il Teatro Pamphili Centro Formazione Arti e il DAMS di Roma Tre, dei Laboratori per selezionare un piccolo gruppo di partecipanti che possa essere integrato ad Ottobre 2020 alla classe del I anno del triennio accademico 2020-2023 dell’altro partner italiano l’Accademia Teatrale di Roma Sofia Amendolea per partecipare insieme al Progetto Triennale 2020-2023 Internazionale per il Centenario della Biomeccanica Teatrale.

< >

SCONTO Entro Open Day 12/10

su tutte le rette mensili pagando solo l'iscrizione

Corsi per Tutti i Livelli da 50€

Sconti e Rette Mensili

Open Day Prenota!

LABORATORIO GRATUITO 12/10

Corso di Regia, Analisi e Scrittura Scenica

Anche per Studiosi o Appassionati Uditori

Scuola per Performer e di Ricerca

Attori Danzatori Circo Musical

Paghi solo le Ore che Scegli di Studiare

Recuperi le Ore Perse

Video di Lezioni, Saggi e Spettacoli

Regie di Claudio Spadola

Lab WEEK END Biomeccanica Gennaio / Febbraio

Accademia di Mosca

Dove Siamo

La Palestra dell'Attore
Associazione Culturale

TRASTEVERE (Roma Centro):
Teatro Cantiere, Via Gustavo Modena 92.
MONTEVERDE (Roma Sud Ovest):
- Teatro Villa Pamphili,
VILLA DORIA PAMPHILJ, Largo 3 Giugno 1849 | (Via di San Pancrazio 10 - P.zza S. Pancrazio 9/a).
- Sede non didattica: Viale dei Quatro Venti, 31
.

Cell: +39 3469406001
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Scuola di Teatro a Roma: Corsi, Laboratori per Tutti e Master di Aggiornamento Performer.