Teatro Integrato e Sociale

PROGETTI DI LABORATORI E TEATRO INTEGRATO E CONTENUTO SOCIALE

N: 6 da un racconto di Anton Cechov

 FOOL. Laboratori e teatro con attori e giovani con problemi d’emarginazione sociale, disabili, operatori sociali e tutti coloro che ritengono di aver avuto esperienza della “follia”:
“Esplorazione attraverso la specificità del teatro del misterioso universo della follia,intesa non come malattia mentale ma come stato “altro” del nostro essere psicofisico, comprendendo quindi fenomeni quali l’ansia e la depressione in forte crescita nel mondo occidentale.
L’obiettivo non è l’acquisizione di un risultato o di una definizione finale ma la possibilità di rispecchiarsi e riflettere con un coinvolgimento che, oltre ad essere analitico e razionale, sia soprattutto creativo ed emozionale.”
Questo progetto è stato prodotto dal progetto “Cultura 2000” dell’Unione Europea.

IMMINENT di Claudio Spadola e Patrizia Schiavo

Teatro confessione, Teatro come storia - cataclisma - crisi di una comunità

Una drammaturgia situazionale: I rientri nelle proprie case degli sfollati dopo il crollo di un ponte.

La messinscena in spazi non convenzionali, prevede diversi luoghi deputati all’azione:  momenti di visione frontale (riguardanti le scene “intime”, le storie degli sfollati) e momenti di occupazione dell’intero spazio e interazione con gli spettatori attraverso azioni di “Teatro improvviso”..

Il Pubblico è suddiviso dagli attori, come funzione drammaturgica,  in gruppi di spettatori itineranti, talvolta invisibili, talvolta coinvolti in veste di altrettante vittime, curiosi, sciacalli o aiutanti solidali per trasportare gli scatoloni degli sfollati.

RAGAZZA DI VITA
Laboratorio teatrale finalizzato alla messa in scena dello spettacolo Ragazza di vita

Descrizione del progetto

Obiettivi
- Un viaggio nell’universo del Teatro, dalle sue regole formative e le sue opportunità di crescita e apertura sociale fino all’analisi della realtà contemporanea, con particolare attenzione, alle donne, ai giovani, alle categorie sfavorite della società, al problema dell’integrazione del giovane nella società adulta come dell’extracomunitario nella comunità o di una periferia con il centro, siano essi di una città, di una nazione o del sistema economico, sociale e culturale mondiale.
Attraverso la rappresentazione teatrale comica o tragicomica e al plurilinguismo rendere concrete, e quindi più facilmente affrontabili, le diversità sociali, culturali e di sviluppo.
- Un’esplorazione, attraverso la specificità del teatro, dell’universo femminile, in particolar modo del rapporto madre figlia, della fragilità del periodo adolescenziale e poi dell’età giovanile, delle sue possibilità di plagio ed emarginazione, delle responsabilità del genitore, le istituzioni, la società.
Risultati attesi
- Realizzazione di un laboratorio teatrale aperto a tutti in cui oltre al lavoro propedeutico di “apertura” e di affiatamento dei partecipanti, incentrato sull’esperienza di avere coscienza del gruppo come individuo e, viceversa, di avere coscienza di sé attraverso le dinamiche di gruppo, si lavorerà sul training psicofisico dell’attore, sullo studio del testo drammatico, sull’arte della parola, sugli esercizi d’improvvisazione e in ultimo sulla messa in scena dello spettacolo. Il laboratorio teatrale sarà anche un modo creativo e divertente per approfondire le scottanti tematiche del testo.
- Produzione di uno spettacolo teatrale recitato in più lingue (italiano, una lingua dell’est europeo, dialetto romano). Ragazza di vita è la storia di una giovane dell’est che viene adottata da una donna che abita alla periferia di Roma e viene iniziata dalla nuova madre all’arte più antica del mondo. La sconcertante attualità dei contenuti diventa pretesto per una commedia dell’“arte”, per un mondo di maschere comicamente agitate da piccoli appetiti ed interessi. Esilarante, a questo proposito, è il rapporto di conflitti e complicità tipicamente familiari che unisce madre e figlia.
Il testo nasce da una libera elaborazione di Claudio Spadola, attore, regista e pedagogo universitario e di esperienza internazionale, dei Dialoghi delle cortigiane di Luciano di Samosata (II secolo d.C.) e della Celestina di Fernando de Rojas (1499)

IL NASO da Nikolai Gogol’

"Gli uomini sono tutti pazzi tranquilli impegnati in attività che paiono loro molto importanti mentre una forza assurdamente logica li vincola ai loro futili impieghi". Chi una mattina dovesse svegliarsi senza naso, infatti, non potendo più collegare le proprie verità secondo una logica ormai automatizzata dall'abitudine e avendo perso anche l'innato senso d'orientamento che gli permetteva pure senza bussola di "andare a naso", si ritrova, nella sua ricerca, ad errare in tondo non distinguendo più il vero dal sogno.

TEATRO DI CONFINE
TEATRO CON ATTORI E GIOVANI CON PROBLEMI D’EMARGINAZIONE SOCIALE, EXTRACOMUNITARI, RIFUGIATI POLITICI, DETENUTI IN CASE CIRCONDARIALI O TUTTI COLORO CHE RITENGONO DI AVER AVUTO ESPERIENZA DELL’EMARGINAZIONE:

THE BRIG. La prigione da Kenneth Brown

“Il corpo del prigioniero è totalmente schiavo. L’anima del prigioniero, in potenza,
è totalmente libera. Il viaggio tra questi due poli è l’esperienza cruciale del dramma”

Da un racconto di Wolgang Borchert

“Storie al limite, umanità e spiritualità reclusa. In un carcere, una serie di monologhi drammatici e scene comiche durante il camminare in cerchio dell'ora d'aria come nel quadro di Van Gogh. Un circo funambolico, tra pagliacci alla Leoncavallo, mosche filosofe e l'amore verso un piccolo fiore giallo.che con la sua tenacia di crescere anche tra le pietre di un carcere da speranza e porta alla rinascita ”

 

< >

Borse di Studio dopo 4 Lezioni

PROVA!

Corsi per Tutti i Livelli da 50€

Sconti e Rette Mensili

Corso di Regia, Analisi e Scrittura Scenica

Anche per Studiosi o Appassionati Uditori

Scuola per Performer e di Ricerca

Attori Danzatori Circo Musical

Paghi solo le Ore che Scegli di Studiare

Recuperi le Ore Perse

Video di Lezioni, Saggi e Spettacoli

Regie di Claudio Spadola

Lab Biomeccanica Week End Gennaio / Febbraio

Accademia di Mosca

Open Days 23/9-12/10

25 h di LABORATORI GRATUITI

Dove Siamo

La Palestra dell'Attore
Associazione Culturale

TRASTEVERE (Roma Centro):
Teatro Cantiere, Via Gustavo Modena 92.
MONTEVERDE (Roma Sud Ovest):
- Teatro Villa Pamphili,
VILLA DORIA PAMPHILJ, Largo 3 Giugno 1849 | (Via di San Pancrazio 10 - P.zza S. Pancrazio 9/a).
- Sede non didattica: Viale dei Quatro Venti, 31
.

Cell: +39 3469406001
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Scuola di Teatro a Roma: Corsi, Laboratori per Tutti e Master di Aggiornamento Performer.